My Cat Is An Alien “the other sound of art”: «un invito a sperimentare la verticalità del Tempo e dello Spazio, dove suoni e colori, luce e forme, energia e coscienza si fondono in un’unica entità»

Reduci dalla 57^ edizione della Biennale di Venezia – dove, su invito di Christian Marclay, hanno aperto con tre giorni di performance  lo “Studio Venezia project” per il Padiglione Francese di Xavier Veilhan – arrivano nella Capitale i fratelli Maurizio e Roberto Opalio, musicisti sperimentali e artisti visivi noti al pubblico internazionale come My Cat Is An Alien (MCIAA).

Il duo torinese sarà a Roma per l’inaugurazione della mostra The other sound of art, che si terrà giovedì 29 giugno, alle 18:30, presso la Galleria CONTACT artecontemporanea.

«Nel loro vasto mantra creativo, è sotto il nome di My Cat Is An Alien che i fratelli Maurizio e Roberto Opalio offrono alle pulsazioni fondamentali di risuonare in armonia con il Cosmo, inventando passaggi verso mondi interiori in cui il Tempo e lo Spazio rientrano in differenti sistemi di coscienza. Il fondamento e l’orizzonte della ricerca di entrambe le loro attività, musicale e visiva, testano il nostro rapporto con l’Eternità, invitando a sperimentare un approccio diverso da quello della nostra memoria orizzontale, al fine di vivere, al contrario, la verticalità del Tempo e dello Spazio, dove suoni e colori, luce e forme, energia e coscienza si fondono in un’unica entità». Così Philippe Robert – autore di Musiques expérimentales (Le mot et le reste) – presenta i MCIAA nella prefazione del libro My Cat Is An Alien, the other sound of art (Edizioni Kappabit, 2017).

Il volume sarà disponibile presso la Galleria CONTACT artecontemporanea in occasione dell’inaugurazione della mostra.


Sarà possibile visitare la mostra presso la Galleria CONTACT, in Via Urbana 110 (Rione Monti), fino al 14 luglio 2017.

Info biografiche sugli artisti:

My Cat Is An Alien (MCIAA) è il duo outsider di fama mondiale formato dai fratelli Maurizio e Roberto Opalio all’inizio del 1998. Radicali compositori istantanei sperimentali e artisti intermediali, i MCIAA costituiscono un’unica entità che agisce attraverso la musica, le performance sciamaniche audiovisive dal vivo, la pittura e il disegno, il design artistico, la fotografia, i film e i video di “cinematic poetry”, le istallazioni, la scrittura e la poesia, le edizioni fonografiche e i libri d’artista.

 I MCIAA hanno sviluppato una caratteristica forma di musica sperimentale, riconosciuta in tutto il mondo come altamente innovativa. Le loro performance sono cariche di tensione e del tutto imprevedibili, al punto da costituire dei veri e propri rituali sciamanici. La loro enorme produzione costituisce uno degli sperimentalismi improvvisativi di avanguardia più emotivi e profondi.

 Le più importanti riviste musicali internazionali di tutto il mondo hanno pubblicato numerosissimi articoli, interviste e recensioni sul loro conto e la loro ricca, poetica, filosofica e iconoclastica produzione si è guadagnata la copertina della prestigiosa testata britannica “The Wire”.

 L’occasione dell’esordio live dei MCIAA è stato l’invito da parte dei Sonic Youth ad aprire il loro tour europeo nel 1998. Da allora, in quasi vent’anni di attività, i MCIAA hanno collaborato con svariati artisti di primo piano, tra i quali gli stessi Sonic Youth, Christian Marclay, Thurston Moore, Keiji Haino, Jim O’Rourke, Lee Ranaldo, Michael Morley (Dead C), Loren Connors, Nels Cline, Text of Light, Steve Roden, Mats Gustafsson e Jean-Marc Montera.

Appuntamenti correlati:


Martedì 27 giugno, alle ore 21:30, i MCIAA si esibiranno all’Angelo Mai (Viale delle Terme di Caracalla 55) in uno speciale showcase finalizzato alla realizzazione di un film-documentario prodotto dalla KAPPABIT Srl.


Mercoledì 28 giugno, presso Blutopia & Satellite, storico negozio di dischi e libreria in Via del Pigneto 116,  presentazione del volume “My Cat Is An Alien, the other sound of art”. La monografia, presentata in anteprima assoluta l’11 maggio scorso, in occasione della preview della Biennale di Venezia, è stata molto apprezzata dagli addetti ai lavori e viene ora illustrata per la prima volta al pubblico romano in questo incontro, moderato da Massimiliano Busti.

CONTACT – Via Urbana 110 (Rione Monti), ROMA

Per informazioni: